Dentro un quadro di Vettriano

3242vet

Stasera sono in un quadro di Vettriano. Mi sento così. Tra colori caldi e pieni. Rosse. Sì, le pareti sono rosse. E io sono vestito come una persona per bene ma in realtà non ho altro in mente che togliermi giacca e cravatta e spogliare anche lei. Sì, perchè in questa strana, stramba fantasia intellettualoide c’è lei. Lei che non può essere definita in maniera diversa. Però è lì che si fa stringere. si fa stringere porca puttana. Nei quadri di Vettriano le coppie si stringono. Trasudano vita, quella vera. Non quella piena di imbarazzante morigeratezza. quella che passa per il peccato, quella che ha bisogno di pelli nude e di fumo, tanto fumo da dissipare insieme alle energie. I volti di vettriano non sono quei sciagurati volti di ceramica hollywoodiani. sono solcati dal tempo. Vedi come le giornate si scaraventano nei tornanti nelle fronti scavate. C’è sempre qualcosa lungo quelle scale, quelle stanze. Potrebbero davvero iniziare a muoversi e cambiare posto o al massimo scopare per bene, lì davanti. Senza badare al tuo sguardo educato. Hanno voglia dopo una giornata faticosa. Tu guarda, qui non ce ne frega un cazzo. Qui si è capaci pure di danzare nei deserti o lungo le spiagge accaldate. Non manca niente. Ma di tutta questa tensione, questa energia, per quanto l’adori non so che farmene. di questi quadri vorrei prendere in prestito le donne. questa cazzo di lei senza nome, stasera la vorrei stringere così. Poco fa pensavo a viaggi da fare, al Salar De Uyuni o all’europa del nord. Ora l’Into the wild è scomparso. Ci sono sere dove non c’è libertà che tenga. Non c’è mondo abbastanza grande. Il mondo che vuoi è dentro una stanza dalle pareti rosse e lei, manco fosse una poesia di Brecht, si spoglia per amare te e i tuoi peccati. Non ho quadri di Vettriano in questa stanza, quella reale. E la malinconica corazza di questa serata ne è solo la dimostrazione lampante.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...