Ponti sul mondo e mura elettroniche

ponte tramonto

E niente, piove(30/9). Piove sulle nostre cazzo di vite. Non sui nostri corpi che lasciamo beati a marcire tra le mura. Io non ce la faccio. Esco tutti i giorni a scrivere su un ponte che sento sospeso nell’aria oltre che sul Tevere. Non ce la faccio a sentire questo maledetto cemento armato che mi stringe sulla gola. Troverò il coraggio anche di fuggire sotto la pioggia e magari di morire presto che tanto non è il quando ma è il come. Non sopporto niente, blog. Non sopporto voi e i vostri ritmi. Non sopporto di non vedervi su quel ponte. Non sopporto le vostre decisioni del cazzo. Non sopporto l’indeciso incedere. Non riesco, maledizione. Che hai capito, blog? Mica voglio suicidarmi! E solo che siamo una massa di idioti. Ci piove addosso pioggia e parole. La felicità è fuori, blog. Sappiamo solo che dobbiamo uscire. Lei sarà lì sotto l’acqua e i suoi amanti. Le sue bugie e le sue verità. E niente disturberà il suo affabile sorriso, falso nelle occasioni migliori. Vero e disperato quando la notte la sorprende lontana da tutto. Io? Io sono in giro. sui ponti, sui fiumi e su tastiere messe a fuoco da mani ansiose di vedere scorrere parole, le mie. Siamo sotto piogge diverse. cieli diversi. Vediamo quanto sarò bravo a smettere di voler vedere il suo viso come il primo sole dietro le nuvole. Se po fa? Se po fa! Ho esperienze niente male su fisionomie di donne che cavalcano colli lontani. E i miei letti già caldi d’amore sono una consolazione sono per gli stolti. Sono solo altri ponti dal quale guardare il mondo con il solito sguardo. Ma secondo te è un post negativo? Non hai capito un cazzo come al solito. È solo un invito ad uscire fuori dalle quattro mura che ti cadono addosso sull’anima. Ah proposito,le tue mura di che sono fatte? Impulsi elettronici? A volte non ho niente di che a cui pensare.

Ps ho finito una sceneggiatura non nel mio stile ma divertente e un monologo su un assassino cazzuto. Ciao

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ponti sul mondo e mura elettroniche

  1. semprevento ha detto:

    ..al solito! te mi fai morì da ride!
    dal calcio nelle palle settembrino siamo passati al ponte…bella la foto, da morì!
    Povero blog, è già tanto che non sia saltato lui giù dalla piattaforma!
    Parli sempre di donne ma di una in particolare che pare ti faccia dannà…bella maledetta e subito!!
    Uhm!
    Te hai bisogno d’aria di ‘asa!!
    Mare e colline, ulivi e valli a perdita d’occhio.
    dentro una città non ci sai stare, o meglio ci stai perchè ci devi stà…ma..soffri.
    Vieni in Sardegna…una terra profumatissima…mare struggente …insomma cambia aria!
    Chissà che bella sceneggiatura scriveresti di fronte alla mia Tuerredda…o nei pressi dei faraglioni dove si arrampicò Manolo, l’uomo ragno. Ti pare?
    Magari l’assassino cazzuto potrebbe trasformarsi in uno splendido sirenetto scazzato!

    ..tienimi informata ..tanto lo so che non ti butteresti mai dal ponte!
    baci
    vento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...