Still alive for you love

9110_444525865629329_2044325291_n

Non sei venuta qui ultimamente, vero? C’è un tuo braccio che regge il mondo, da qualche parte. Poi c’è una panchina che penso fosse al centro del mondo in quel momento. Giustamente il blog ha voluto renderle omaggio.
Still alive for you love
Non so se li conosci. Sono i Bon Iver. Ultimamente hanno invaso questo blog. Questa è Perth. Non so se l’ho pubblicata già. Lo rifarò, eventualmente. Almeno qui comando io. Decido io. Altrove c’è poco da dire. Ieri è tornata una di quelle vecchie poesie e sappi che non un tuo braccio ma la tua mano non regge il mondo ma addirittura l’universo intero. In un’altra poesia dissi che quello che dice una poesia è verità, quindi è così.
Still alive for you love“.
Justin ti piacerà. Ha una voce che prende direttamente dall’interno del corpo. Stomaco, cuore, polmoni. È decontestualizzato dal tempo. Questo amo di lui….
Non riesco a smettere….le tue foto vanno avanti, una ad una, su Perth.
Still alive for you love“.
Era un vizio che avevo creduto di perdere. Si ripresenta puntuale come una primavera che ha debiti di sangue, di vite, di foglie marce. Eppure la terra si è ammorbidita e ci sono papaveri che se ne sbattono altamente dell’inverno che non hanno conosciuto e che non conosceranno. Noi che sappiamo com’è un albero spoglio possiamo solo sorridere. E per sorridere intendo bestemmiare in silenzio. Maledire a mezza bocca.
Still alive for you love
Tutto quello che c’è da dire, incredibilmente,è scritto qui. Tempeste che ci appartengono che non diventeranno uragani. Deserti dove ho da molto serrato il passo così lontani dal glaciale freddo da cui ti difendi strenuamente.
Non fare domande….io non ho risposte. Siamo di due mondi diversi. al massimo potremo guardarci dalla stessa finestra ma io da un lato, tu dall’altro. Che penso d’averlo capito o di immaginarlo. Aprire quella finestra farebbe cadere nel vortice tutto. Materia e luce. Un buco nero dal quale non ci salveremmo. Tu lo sapevi già, vero?
Still alive for you love
Mi viene da ridere. In realtà non penso sia così. Penso che la risposta sia molto più facile, meno romantica. Anzi, non lo penso. È così e basta. Non voglio dirtelo però. Forse vedere le autostrade che partono verso il sole da ogni tuo ricciolo piace anche a me. Il lucernario dove ti ho posto per essere ammirata da mille mondi diversi è a casa mia. Ben conservato. Se lo chiedi però è lì. Non so se ti dipingerei di nuovo. Forse sì. Oltre un vetro, dal mondo accanto, da un altro vortice ma lo farei. Vedi, forse ce l’ho fatta. Con l’intimo desiderio di gettarmi dal baratro ma non lo farò. È un burrone dove ci si getta in due o al massimo si spacca quel vetro del cazzo con l’apposito martello. È dal tuo lato. Fai con calma. Io ho addosso una maledizione lanciata da un colombiano. Maledetto.
Still alive for you love

Ps Si lo so, questo è difficile ma è un blog personale. Ogni tanto qualcosa solo per me potrò pure scriverla, no?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Still alive for you love

  1. Pingback: “Still alive for the rain” | Vince e il mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...