Ogni tanto bisogna mettere un punto. Anche sedici.

marte?

1)A casa mia si dice “Amma Capit”. E “amma capit” è come “abra cadabra”. Una formula magica. ti schiaffeggia e tu sgrani gli occhi perchè non te lo aspetti e ti vengono su le lacrime anche se non ti sei fatto male. Pensi di non meritartelo. Ci pensi e…porco cazzo, te lo meriti. E la lacrima risale su. una frase delle tue parti è un buon punto da dove ripartire. Dove piantare un paletto con su scritto “da qui”.
2)A leggere questo blog sembro essere sempre in procinto di andare da qualche parte.
3)Le trombe in postcards from italy, con l’ukulele che accompagna, sono un film di Kusturica. o almeno credo. Forse sono una partita a pallone in piazza. Io gioco in avanti. Non sono veloce ma ho il senso del gol.
4)(…)…”Lei si accorse, all’improvviso, di tutto. Fece ancora un paio di passi tra la gente immobile. Si fermò. Accanto a lei c’era una donna, bionda, volto espressivo. L’accarezzò piano, delicatamente. Notò che alla sua destra c’era un deserto, bianco. Lei non poteva saperlo ma era il Salar De Uyuni, in Bolivia. Deserto che spesso fa d’ambientazione ai miei sogni. infatti c’erano decine dei miei racconti in quel deserto a confondersi tra cielo e nuvole, senza discontinuità. Sospesi, come se fossero in volo. Guardò davanti e c’era un lago con migliaia di donne in volo munite di ombrello che sembravano tuffarsi dentro l’acqua. Era un quadro incompiuto di Matisse, probabilmente. Le donne erano senza volto e lei, con un dito, seppe disegnarci sopra dei sorrisi, come si fa con le auto sporche. Alla sua sinistra non c’era niente. Apparirono un paio di occhiali, con un biglietto attaccato. C’era scritto sopra la mia poesia preferita. Se li provò e ogni cosa appariva come fosse un giocattolo: il cielo era di un celeste acceso e sotto vi era un tramonto che sembrava disegnato. La gente, ora, era un esercito di soldatini in divisa. Li tolse, nell’ultimo verso lesse “faremo gli occhiali così”. Era tutto chiaro. A quel punto si girò dietro di lei e mi vide.”
5)Il punto 4 ha poco importanza.
6)Le frasi contorte hanno sempre un senso. Se, rileggendole dopo molto tempo, non ti è chiaro, la colpa è la tua. Sei tu che hai cambiato prospettiva. A quel punto devi piegare la realtà, manco fosse un cucchiaio a Matrix, e farla coincidere con la frase. La frase sarà sempre la stessa ma con un senso totalmente nuovo o, meglio, più aderente con la realtà. Effettivamente però se cancelli e riscrivi fai prima.
7)Il punto 8 non c’è
8)
9)La realtà è che avevo scritto solo il punto 1. Gli altri sono venuti dopo.
10)No. Niente punti sulle donne….che poi, le donne c’entrano sempre.
11)Niente punti sul vino.
12)Peccato per il punto 11.
13)Potrei concludere con una frase ad effetto nel punto 14.
14)Ma non lo farò.
15)Nel punto 16 i saluti.
16)Ciao.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ogni tanto bisogna mettere un punto. Anche sedici.

  1. semprevento ha detto:

    ..ma te sei un genio ribelle!!!
    Grande Vince!!!!
    mi fai sorridere ..mi fai ridere col cuore. Perchè ti vedo sferruzzare seduto su una panchina del parco…e da buon beccaccione ….forse un po’ arrugginito aspetti che la vecchietta …venga a chiederti come si fa il chicco di riso..e te glielo fai vedere sferruzzando con quel sorrisino a paraculo che hai!!! …scusa il francesismo però mi ci piaceva….
    ….a volte i tuoi monologhi mica li capisco!!! ma te si, li capisci sempre…
    il punto 8 però potevi metterlo…maremma gatta è il mio numero preferito!!! …cià significa che non è il tuo…o ti sta antipatico perchè è infinito oppure ti ricorda un momentaccio…oppure sei un grande scrittore e crei la scena a puntino!
    Andresti analizzato tutto..peccato che non ho studiato psicologia, sarei stata una gran paracula pure io…
    Bon, secondo me ti rileggo tra qualche giorno con più chiarezza…..ma tu sei chiarissimo a te stesso….fai finta di non sapere ma sai aaaavoglia se sai!!!!
    …Spero che l’anno sia iniziato a modino…per me una tragedia…ma spero in un miracolo…. 🙂
    a presto ciospino
    vento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...