Prendo solo un po’ di parole

equilibrio

E’ meglio avvertirti. Sto rileggendo i tuoi vecchi post. Alcune frasi le prenderò e le metterò nel mio secondo libro. Sì, che cazzata. Non c’è ancora un primo e io scrivo già un secondo. Poco importa. E’ partito. Voleva partire ora e lo ha fatto, non dipende da me. Tu c’entrerai tantissimo. Alcune cose le riconoscerai, forse sarai proprio tu. dovrò solo stare più attento alla grafia. Le parole senza lettere non saranno accettabili. Tu come stai? Non parliamo sempre di me. Niente? Mhh. Io comunque scrivo. come ben sai è la buona intenzione al vertice della lista. Naturalmente, però, non si fa solo quello. Tanto le mie parole si prendono certe pause. Uhh! Fanno dei giri assurdi. Mi lasciano, a volte credo che non tornino. Poi mi travolgono all’improvviso. forse si ricaricano altrove o devono carburare. Devono gonfiarsi d’aria per poi esplodere. Alla fine ricompaiono. Ad un tratto ti traducono la vita: “Ah..davvero? Non l’avevo intesa così” Non la intendiamo mai così, blog. Non dovremmo intenderle le cose che tanto, le parole, ingannano. Sono belle ma ingannano. Ci adagiamo su il capo, forse tutto il corpo. Ci speriamo, ci costruiamo su una vita ma poi, magari, il significato è un altro. Bella stronzata. Bella cosa da sapere per uno che di parole non ne può fare a meno. E’ quello il bello. Alla fine non sono che un truffatore. Lo siamo tutti. dovremmo guardarci e capirci per essere onesti. Non si può blog. Uno ad un certo punto avrà così tante cose dentro pronte ad uscire fuori che le dirà ma non si farà capire. Dirà una cosa e ne intenderà un’altra. Continueremo a fregarci, in continuazione. allora, se deve andare così, meglio cercare di dargli una forma. anzi, meglio usarle per giocare con quelle belle menti intatte. sono lì che spruzzo un po’ della mia roba, non spaventarti. Tu però, blog, sei unico perchè sei direttamente collegato al mio cervello. quello che esce si imprime immediatamente. E’ una foto che impressiona la pellicola. Non posso fregare più di tanto. con te mi frego io. Mi sputtano alla grande, blog. Però, lo ammetto, le tue parole ogni tanto le riprendo e mi ci stendo sopra. Ci sto così bene, blog. Sembra il tramonto di oggi che illuminava tutte le nuvole di rosso. la luce sembrava uscire da migliaia di fori. O sono le stelle? Sembra Orione o gemini. Castore o Polluce. Mi sa che sto dormendo, blog. Notte

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Oggi, today, heute...iosc e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...