Autunno e strade contorte

E se dicessi che ho letto le tue righe? In realtà non so se le hai scritte. Lo hai fatto sicuramente. Forse erano le tue foto, i tuoi messaggi, i tuoi segnali. Erano dove pensavo ti avrei trovato. Naturalmente…indovina? Non c’eri. Io nemmeno, però. Dietro l’angolo ero già altrove. So cosa pensi. Tu, Vi, che viaggi a fare? Ogni tanto lo chiedo anche io a me stesso. Ma no, non va bene. Devo andarmene. Devo perdermi e non vederti mai più. Non vedere più nessuno. E allora troverai le mie righe e ti chiederai dove sono. Ecco, voglio essere all’altezza di quel pensiero. Immerso tra le foglie cadenti che l’autunno si è inventato per sfiorarci. L’autunno, non so se te lo sei mai chiesto, cambia i colori agli alberi caso mai ci dovessimo incontrare proprio lì. Se mai il nostro passo ci portasse sotto una quercia, un platano, un pioppo. Lui, per sicurezza, li disegna a suo piacimento e al rosso dell’acero alterna il verde lucente intatto dell’edera. E se gli alberi lungo i fiumi continuano a cambiare, stagione dopo stagione, perchè diavolo non seguirli. Chissà, forse ci incontreremo. No, ho smesso di sperarci. Ci sono troppi fiumi e io il mio devo attraversarlo. Ho qualche buon album con me, qualche libro decente e quella mente che continua a farmi fare figure di merda facendomi ridere quando sono da solo. No dai, uno che cammina e ride deve fare la parte del pazzo in una terra lontana. Poi tu non saprai che sto ridendo. Mi vedrai di spalle, come quel racconto che ti ho mandato. Lì, ad un passo da Rigel, dal Pantheon a Roma e dall’Hotel de Ville. Con “chissà che vita fa, chissà cosa sogna, chissà cosa scrive”…bello, sarebbe bello. anche se questo è un pensiero mio, lo riconosco. Ci siamo invertiti. Ci sei tu, sotto la pioggia di foglie infuocate. Ed è giusto così. Ho ancora strade da percorrere. Queste strade sono come i post di questo blog: molto molto molto contorte. Tu che hai la chiave per decifrarli, stanne lontano…o vedi tu. Sai dove non trovarmi…ed è già un inizio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Oggi, today, heute...iosc e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Autunno e strade contorte

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. semprevento ha detto:

    ..bellissima l’ultima frase…
    può darsi che te la rubo.
    ……insolito post….ma non troppo.
    baci e abbracci vince ….
    siamo tutti lungo un fiume…. attraversarlo richiede coraggio e spirito d’avventura…
    vento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...