Salve, io sono Vincenzo

Salve, io sono Vincenzo. Sono Vincenzo e sto spesso in giro. A volte non riesco a capire dove sono esattamente. Ero a Parigi due giorni fa. Mi ricordo che nel frattempo ho visto un concerto di una cover band di De Andrè e due musei. Ho una gran confusione in testa. Mi sembra di scorgere notti con pantere che mordono il sedere a qualcuno o Alice che si fa il whiskey distillando fiori. Ho un paio di De Chirico illuminati da fari dietro la linea degli occhi. I suoi manichini indossano vestiti di una vanagloriosa con un cadavere ai suoi piedi che guarda il suo sangue raggrumato indurirsi piano piano. Salve, sono Vincenzo e a volte credo di avere dentro delle precise linee geometriche disegnate da Mandrian. Ad un tratto, però, come se prendesse il controllo Jean Mirò le linee, morbide, si allungano, si girano, si spremono tra di loro tra leggeri accenni di colori. Sempre se Kandinskij lo permette. Salve, sono io. E ora sono in quella terra che il cuore chiama casa. Un aereo, un concerto, due musei, una sveglia alle cinque, un pullman che viaggia tra raggi di luce che si aprono tra nuvole eterne dove si immergono dentro i monti del cilento. Salve, io sono Vincenzo e già non voglio stare qui. “…Gente che muore di nostalgia ma quando torna dopo un giorno muore per la voglia di andare via…”. Salve, a volte faccio citazioni banali ma efficaci. Salve, qualcuno dice che sono un poeta. Non so se basta scrivere quattro righe su un quaderno nero comprato a 16 euro alla feltrinelli per essere considerato tale. So però che un sacco di colori girano per questo cervello che spesso agogna un bel respiro che però non arriva. Scrivo racconti, racconti che non finiscono mai. Racconti che dovrebbero lasciare spazio ad altre mille storie che sbraitano per uscire fuori e prendersi la fetta di mondo che appartiene loro. Si muovessero i racconti. Ho altra gente da far morire, altre donne da far impazzire, altri uomini da far viaggiare. Non posso aspettare troppo. Tu, quando ti muovi a morire? Salve, sono Vincenzo e ho iniziato questo post la notte scorsa. L’ho finito 24 ore dopo. Inizio e poi finisco, ho i miei tempi, il mio passo, ma poi ci arrivo. Salve, sono io. A quanto pare il calendario il 7 mi ha avvertito dell’annuale tagliando. Se ne ricorda ogni anno. Quello vecchio lo strappa con forza. Se c’era qualcosa scritto su da leggere con attenzione e che ora è nel foglio appallottolato nel cestino sono cazzi miei e di nessun altro. Salve, sono Vincenzo e non so precisamente dove sono in questo momento. Non so nemmeno dove vorrei essere. Montmartre bagnata e l’Hotel de Ville sotto la pioggia mi sembra troppo stupido, ora. Forse più lontano? Forse, non lo so. Io non so molte cose. So solo che sono Vincenzo con quel nome di un uomo meridionale vissuto anni fa. Un tipo in gamba. Avanti per i suoi tempi. Questa abitudine del sud è una gran cosa quando porti il nome di grandi uomini. Uomini che la storia ignora ma che in qualche modo hanno scritto qualcosa da qualche parte. Di certo non su quaderni neri troppo costosi della feltrinelli. Salve, sono Vincenzo e ciò vi basti. Perchè questo è quel poco che ho e quel poco che mi basta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ad personam e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Salve, io sono Vincenzo

  1. bumpyclimb ha detto:

    Piacere di conoscerti.
    Cosi’.
    Tra quadri, colori, citta’, appunti vari…
    Bentornato.

  2. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Volevo cortesemente chiederti se puoi inserire il mio blog nel blogroll del tuo blog.
    Grazie e ciao.
    Pier Carlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...