Solo un altro freddo, stupido, fottutissimo e grave Hallelujah

E all’improvviso parte Jeff. la sua voce o la sua chitarra che a volte non riesco a distinguere. Le confondo con la notte che ti prende con le sue malinconie che non riesci a mandare via…cazzo, che sia lodato Gesù Cristo per questo. L’arpeggio prende quelle corde, quelle precise, quelle stabilite secoli fa da qualche fottutissima divinità che sapeva cosa fare, sapeva come si fanno le cose per bene. E quella voce che ti accarezza sotto il viso come una donna che hai desiderato da anni e che mai, proprio mai, arriva quando dovrebbe. Quella voce che forse è già dentro, più dentro di quello che pensi e le mani non stanno arpeggiando un accordo in La minore, no. Stanno giocando con la tua anima maledetta che ti sorregge più del pavimento in notti come queste o più del cornicione. La notte aldilà del tuo balcone è solo un altro freddo halleluja. E tu stai qui a contare quanti treni sono passati e quanti altri passeranno insieme alle tue maledizioni che sono già lontane verso fiumi che esondano. Poi te ne penti e le rimandi indietro come poesie non ascoltate e nemmeno lette e forse appena appena scritte, per puro caso. Infatti, qualcuno disse, che l’amore non è una marcia di vittoria e io non ho più vessilli sui tuoi archi di marmo e sul mio la tua bandiera è scomparsa e prende fuoco in una scarpata e se fosse di carne l’avrebbero mangiata i lupi. Bambina questa stanza l’ho già vista, disse qualcuno, e ho già camminato su questo pavimento e come vivevo da solo prima di conoscerti così vivrò ora. E tu dove sei? Stai bene stasera? Come si fa a stare bene? Non lo so, non ci sono accordi segreti da suonare. Sono solo storie. Sono fottutissime inutili storie che ho già dimenticato. Quello che so e che con i mie mondi in braccio, sul mio balcone, con la voce di jeff, con la chitarra che sembra la sua voce, che forse son tutti e due, che forse sono il mondo, che forse sono la notte o forse il vento o forse sono tutto tutto insieme non sono un pianto che senti di notte non sono qualcuno che vede la luce ma è solo un freddo e grave Hallelujah.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Solo un altro freddo, stupido, fottutissimo e grave Hallelujah

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. semprevento ha detto:

    ..che bel pezzo hai scritto!!!
    E’ malinconico…o forse lo percepisco io…quasi una sconfitta vincente..
    la sconfitta vincente…che mai sarà??
    sarà che è vero…che il vento si porta via tutto…o ti riporta tutto…
    un po’ come il mare…
    alla fine è sempre così…
    Non badare, stamani è ariaccia…
    ma per te un bel sorriso!!!
    allora passo per i saluti venerdi!!!che poi è domani…
    fammi du foto per strada parigina…e poi me le mandi..le metto nella mia cartellina!!!
    Questa è una richiesta da assolvere doverosamente..capito?????

  3. semprevento ha detto:

    vince..le poesie son tutte mie!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...