Sotto una tempesta di lenzuola ghiacciate

E poi succede che quando ti svegli, ghiacciato come un calippo al limone d’agosto nelle mani di una ragazza che catalizza ad un tratto l’attenzione di tutti, scopri che la finestra era leggermente aperta. Ideale in questi giorni tropicali, no? “Il freddo fa bene alla pelle” Ottimo, ora voglio essere assunto dall’oreal. Ho la pelle migliore al mondo. Non vedo l’ora di dirla anche io quella cazzata: “Anche voi valete”. Un buon inizio di settimana, insomma. Ier ho camminato per 3 ore nei ghiacci siberiani. quando ti devono dare un’informazione, se quel giorno ha nevicato e c’è la possibilità reale di vagare per Roma nord come un finlandese deficiente va a spasso per la lapponia, vedrai che quell’informazione sarà sciaguratamente sbagliata. Pensa positivo, è un ripasso per quando tornerai a pattinare sul ghiaccio. Swimmmm vedi come parti allegramente sui marciapiedi che il sale l’hanno visto solo nei pranzi domenicali delle famiglie ai piani superiori. Rischiando la vita poi la casa la trovi. Sì fa tardi e devi pure ingozzarti come un maiale perchè qualcuno deve fare presto, ha un aereo e deve partire, non è colpa sua se tu o chi ti ha dato l’informazione è un coglione. Mah, io comunque sono per la seconda ipotesi. Non sapete manco dove state di casa, e che cazzo. Va be, ingozziamoci velocemente. direi che è una cosa buona, no? Son passate quasi 24 ore e ho ancora voglia di strapparmi lo stomaco dal resto delle viscere. Buon segno. Ingozzato per bene, ti tocca poi rigettarti nella tormenta. Ma sta volta però non ti fregano. Ora so dove andare (ho pietà per il me stesso di ieri. Si aspettava un luogo caldo al suo ritorno. Povero cretino). Bisognerà solo aspettare un treno pregando che non venga soppresso. Per l’appunto ne cancellano due. Ma alla fine ti avvertono che tra 40 minuti uno parte sicuro come la morte. La voce dice quasi così. Apposto. poi succede una cosa strana: ad aspettare quel treno non sei solo ma tu e, ascolta bene, quella che ti ha ispirato la poesia sulla neve di Roma che hai postato. Strana la vita, eh? Poi va be, sai bene che le vite di entrambi hanno preso strade diverse, troppo diverse, quasi irrecuperabilmente opposte. però, per un attimo, pensi a qualcosa. Oddio, non sei sicuro. Senti muoversi qualcosa nella testa ma magari a causa del freddo si è rotto qualcosa. Devi far dare una controllatina da qualcuno. Usa l’antigelo la prossima volta. Il treno arriva e partite e ci capisci poco. Arrivi a casa senza sapere se hai perso un’occasione o se non hai fatto danni. Data la mia situazione dove fraintenderei il rosso del semaforo per una botta di timidezza io sarei per la seconda ipotesi. Ma va be. Non pensarci troppo. Dormici su, una calda notte sotto le coperte, mio caro me di ieri, risolve ogni cosa. Già già già.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Oggi, today, heute...iosc e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...