E’ ora di correre

Non impareremo mai blog. Non impareremo mai. Continueremo a fare gli stessi errori di sempre. -Aspetta un attimo, errori? Siamo sicuri? Tu per quasi 6 anni avevi immaginato. E ora? E ora fammela vedere questa cazzo di rabbia. Quella che io ho visto. quella che ti esplode dentro come un oceano in tempesta. Quella rabbia che come il vento piega i tonchi delle querce più forti. Fammela vedere, cazzo e per piacere. Dimentica. Sì, dimentica anche gli aspetti più belli, quelli che ad un anno e più di distanza rimembri ancora. Quegli aspetti che pongono un paio di occhi sopra il firmamento a posizionare costellazioni. Non abbiamo più tempo, le stelle guardiamoci per cavolacci nostri. Pensa, piuttosto, a gli aspetti che neanche come fossero stati malattia letale, tihanno contorto l’anima. Voglio ricordarteli? No? E allora parti da lì e odia. Ringrazia gentilmente e odia. Non odiar a morte ma odia come si odierebbe uno svincolo errato. La tua strada, vins, aveva ben altre pietre miliari davanti a te. Sei tornato allo svincolo prima della deviaizone. E ora di riprenderlo. tu non sei così, eri altro. Ma lo sei ancora, non preoccuparti, ma prendi, santo Dio, la strada giusta. Quella che ti compete, quella di cui dicevi “ma proprio a me?” Sì, maledizione. Proprio a te è capitata perchè tu sapevi percorrerla. Vuoi che spetti ad altri? Non temere niente vins. Vai avanti, cazzo. Al bivio, disse qualcuno, le gambe decidono da sole. Tu hai la forza per far decidere anima e cervello. Devi volerlo. Fammi vedere le tue spalle larghe come le colline che ti hanno forgiato occupare lo spazio dell’orizzonte e coprire il sole Fammi perdere la tua immagine verso quel punto di cui neanché tu sai il nome. Perditi oltre la notte e a chi me lo chiederà dirò: “E’ in un luogo che solo lui conosce per nome. Solo lui sa pronunciarlo correttamente” E come avevi immaginato gli altri ti vedranno lontano e tu lo sarai veramente. Sarai solo? Solo l’esplorare quelle terre lontane te lo dirà. Ma quei luoghi ti appartengono. sono tuoi. Di diritto. E ora di andarle a prendere. E’ ora di correre vi. E’ ora di correre

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...