L’america e i suoi guai e la povera Italia

Mamma mia che casino in America. Prima o poi bisogna fare un bel discorsetto sullo zio Sam. Chi mi conosce sa che non nutro simpatia per gli Usa, ma non mi sento nemmeno un anti-americano. Io sono solamente un anti-filoamericani. Fino a quando gli Yankee rimangono dentro i loro confini e non vanno oltre il porto di Nuova York non ho problemi. E quando iniziano a metterti le loro bombe atomiche nel nostro territorio, quando fanno guerre per il petrolio, quando danno armi a dittatori condannandone altri, quando ingeriscono sulla politica di un altro stato ecco quando mi danno fastidio. Quello che è successo ieri va oltre ogni valutazione politica: 33 studenti come me sono morti. Chissene del luogo. Sono giovani. Vite non ancora vissute. L’unica valutazione politica possibile è quella sulle armi. Fino a quando sarà possibile portare le armi come fossero un portachiave non dobbiamo sorprenderci. Su Darta ho detto a chi si rammaricava di non essere una colonia americana: meglio liberi all’inferno che servi in paradiso(in questa vita almeno, per la prossima non sottoscrivo XD). Milton ha ragione(non il ballerino eh…non mi fate ste cadute di stile). Dobbiamo risolvere i nostri problemi da soli. Diventare grandi con le nostre forze. Con questi politici(destra e sinistra), con questa situazione economica(banche e mercato fasullo) e con i giovani senza speranze(affitti, legge biagi e chi più ne ha più ne metta) sarà difficile….ma iniziamo a provarci
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cose serie...penso. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’america e i suoi guai e la povera Italia

  1. Luisa ha detto:

    "meglio liberi all\’inferno che servi in paradiso" l\’ho studiato stamattina in inglese!!
    e comunque nn è liberi ma regnare "meglio regnare in inferno che servire in paradiso 😀
    piccola precisazione!!
    In ogni caso, gli americani sn IPOCRITI, prima vendono le armi come se fossero caramelle e poi funerali di stato,bandiere e tutto quello che vuoi. Sono ancora rimasti all\’epoca del far west, forse nn se ne sono resi conto che i tempi sono cambiati, o meglio, fuori  casa loro portano le guerre per impiantare la democrazia, perchè le dittature appartengono ad un\’altra eposa, e dentro casa poi possono sparasi a tutte le ore del giorno e della notte!
    Le pistole sono delle armi di difesa, già…non avete visti i pellerossa con frecce ed asce assalire il banchiere di New York???
    bisogna difendersi (ma va va)

  2. Gege ha detto:

    L\’ho detto su darta: poteva succedere ovunque. Non è xché è successo in America che bisogna demonizzare l\’America. E non è che io voglia difendere l\’America xché sono filoamericano, anzi, la società americana mi fa schifo.
    Per il discorso armi, io sono favorevole a che uno possa tenere le sue armi in casa. Se uno vuole ammazzare trova molti altri metodi anche senza le armi… È un discorso attuale anche da noi in Svizzera: si discute del diritto di tenere l\’arma d\’ordinanza in casa (non so come sia da voi in Italia cmq da noi è sempre stato così), e del fatto che viene usata x commettere omicidi o suicidi..come ho detto prima, se uno vuole ammazzare qualcuno lo fa anche se non ha l\’arma in casa e se si vuole suicidare trova molti altri metodi x farlo.

  3. Vincenzo ha detto:

    Gens io non voglio demonizzare gli Usa, penso però che con le armi hanno qualche problema. Naturalmente chiunque ha un fucile o una pistola, in qualsiasi stato del mondo può fare una sciocchezza. Però sai dove è il problema? In Italia puoi tenere in casa il fucile e se devi andare a cacciapuoi portarlo con te ma se lo porti a casa di un amico per farglielo vedere commetti un reato. Devi portare le armi in percorsi stabiliti, figuriamoci portare con se le armi in giro in luoghi pubblici. IN america quando vai in ufficio puoi avere il tuo bel mitra chiuso in macchina o la pistola nella borsa da lavoro. Copme forse hai sentito hanno proposto che tutti gli studenti(ma naturalmente chiunque) possano portare con se le armi all\’interno dei campus. Per intenderci esattamente cio che succedeva nel Far West. Nel film di moore(immagino che non ti sia simpatico ma citava dati oggettivi) sulla strage di columbine si fa notare come nel vicino canada i casi di omicidio siano nettamente inferiore. Cita in particolare due città a poca distanza separati dal confine. Indovina dove il numero di omicidi è più del doppio dell\’altra?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...